Menù del sito "www.problemicoppia.com"

Mia figlia sta leggendo 50 sfumature di grigio! Cosa faccio?


Ciao,
oggi parliamo nuovamente del romanzo "Cinquanta sfumature di Grigio" o meglio, ci serviamo di questa storia per trattare un tema di fondamentale importanza: insegnare ai propri figli cosa sia l'amore di coppia.

Nel precedente post relativo alla relazione tra Mister Grey e Ana Steele 


vi ho salutato con l'idea che se una adolescente (do per scontato che una ragazza di età inferiore ai 15 anni dovrebbe essere guidata a scegliere un romanzo più adatto alla sua età) avesse tra le mani questo libro sarebbe bene che la mamma e/o la sorella maggiori lo leggessero a loro volta per poi discuterne insieme. 

Questo mio suggerimento non è solo relativo alla necessità di spiegare che il sesso non è solo estremo o meglio, che lo può essere solo se entrambi i partner sono consapevoli di ciò a cui vanno incontro e di ciò che desiderano realmente, ma riguarda la necessità di insegnare l'importanza di esprimere sempre se stessi, i propri bisogni e i propri desideri.

Attenzione: quanto ho appena affermato non ha nulla a che vedere con l'egoismo. 

Alcune persone non riescono a prendersi ciò che desiderano nella vita e nelle relazioni perché vivono un senso di colpa come se il fatto di fare ciò che le rende felici implicasse togliere della felicità all'altro. 
Se non si impara a fare felici, prima di tutto, se stessi non si può pensare di far felice l'altro. A forza di rinunciare a sé infatti, si finirà per essere pieni di rancore e insoddisfazione con il rischio di "rovesciare addosso all'altro" tutta la frustrazione e i sacrifici (che l'altro, forse, non ci aveva nemmeno chiesto) trattenuti per anni.

Saper inseguire i propri sogni, chiedere amore all'altro e esprimere se stessi in toto è possibile se qualcuno ci ha insegnato ma, soprattutto, fatto sentire che valiamo per ciò che siamo e non per ciò che facciamo. 

I genitori hanno un grande potere e una grande responsabilità in tal senso. 

Cari genitori, abbracciate i vostri figli non solo quando prendono un buon voto a scuola, quando vincono una gara di danza o una partita di calcio, quando sono ubbidienti ed educati. In questi casi state rinforzando le prestazioni di vostro figlio, gli state cioè dicendo che lo amate per quello che ha fatto. 
Questo tipo di apprezzamento è fondamentale ma non può essere l'unico. 

Prima ancora c'è l'apprezzamento del suo modo di essere, della sua anima e questo glielo dovete far sentire sempre: un abbraccio inatteso, del tempo trascorso con lui senza una finalità precisa, il ridere alle sue battute, l'ascoltarlo in ogni momento, il farlo sentire protetto e "a casa". Questi sono alcuni esempi di amore incondizionato.

Tornando alle mamme che dovessero vedere sul comodino delle figlie "Cinquanta sfumature di Grigio" posso dirvi che se avete fatto sentire alle vostre piccole donne, che stanno crescendo , l'amore incondizionato di cui stiamo parlando, allora esse sapranno capire perché Ana avrebbe dovuto scendere meno a patti con i propri bisogni fin da subito. Ana si riscatta alla fine del romanzo lasciando Grey dopo l'estrema umiliazione della punizione corporale ma a prezzo di una grande sofferenza.

Non c'è bisogno che teniate una "conferenza sulla sessualità" a vostra figlia. 
Bastano pochi principi per aiutare le vostre bambine a diventare:
donne forti e allo stesso tempo dolci, 
determinate e allo stesso tempo capaci di abbandonarsi con fiducia tra le braccia di un uomo, sensuali e sexy senza volgarità. 

Provo a riassumere le idee, a mio avviso, essenziali:
  1. se il tuo corpo o la tua mente ti dicono di no ascoltali e chiediti il perché;
  2. se l'altro non rispetta i tuoi "no" e non prova a capirli (che non significa condividerli) non potrà mai capirti e farti sentire al sicuro;
  3. non ci sono modi giusti o sbagliati di vivere la sessualità: tutto va bene purché entrambi i partner lo desiderino;
  4. in una coppia c'è un giusto bilanciamento tra forza e debolezza: in alcune circostanze é più forte uno e in altre l'altro ma se queste posizioni non si alternano come in una danza (http://www.danzadicoppia.blogspot.it/) la relazione è sbilanciata e uno dei due membri della coppia ne soffrirà;
  5. il rapporto sessuale non è solo dare o solo prendere ma un insieme di entrambi i verbi;
  6. l'uomo giusto è colui che fa sentire una donna ancora più se stessa e non colui che la vuole cambiare;
  7. l'amore è vero quando fa sentire liberi e fa emergere le parti migliori di sé;
  8. un uomo  che alza la voce, o peggio le mani, per imporre la propria volontà non conosce il vero significato della parola amore. Lo potrà imparare ma solo se lo desidererà e non sarà certo la donna a poterlo cambiare;
  9. meglio sole che mal accompagnate (e per questo principio leggete questo post: http://www.problemicoppia.com/2012/10/la-fine-di-un-amore-il-senso-della.html);
  10. l'amore è diverso dall'attrazione, dal bisogno, dalla paura e dall'abitudine.
Questi principi, trattati un po' per volta ed in modo diverso a seconda dell'età delle vostre figlie, vi aiuteranno a porre in lei i principi guida a cui faranno riferimento quando dovranno capire se il ragazzo che hanno di fronte è l'uomo giusto oppure no...

Lasciatele libere di vivere l'amore ma osservatele sempre da lontano e quando loro vi faranno capire che hanno bisogno di voi siate pronte ad ascoltarle e a guidarle. Se le vostre figlie imparano il rispetto di se stesse e l'importanza di non accontentarsi in amore avrete la certezza di aver dato loro l'insegnamento più importante che una madre possa offrire alla propria figlia...

P.S

Dedico questo post a mia madre: guida sempre presente, che ha saputo insegnarmi quanto ho scritto e molto altro, che ha saputo esserci senza invadenza, che è rimasta madre pur essendo amica e che mi insegnato a volermi bene...
Grazie... 

A presto


Valeria Mora, Psicologa, Counselor e formatrice


Nessun commento:

Posta un commento