Menù del sito "www.problemicoppia.com"

Il mio partner è geloso! Cosa posso fare?


Ciao!

Pochi giorni fa ti ho parlato del legame tra la timidezza e l'accontentarsi in amore, ma cosa accade se ad essere timidi non siamo noi bensì il nostro partner/la nostra partner? 

Un partner fortemente timido può tentare di nascondere quello che per lui è un forte limite con il sentimento della gelosia.

Ebbene si! In alcuni casi la gelosia può essere causata dalla timidezza. 

In altre parole, quando il partner non ha atteggiamenti che legittimino il geloso ad essere tale, può darsi che la gelosia sia legata alle insicurezze di quest ultimo. 

Il timido pensa di non valere abbastanza e dunque non riesce a capire che se la ragazza ha scelto lui è proprio perchè vuole lui e non un altro.
Il timido vede negli altri maschi potenziali partner per la sua donna: partner più intelligenti, più attraenti, più interessanti e più capaci di lui (ovviamente questo discorso vale anche se ad essere timida é una donna).

Alla luce di quanto detto ti sarà più facile comprendere che non serve a nulla rassicurare il partner sulla tua "innocenza", o meglio, può servire, ma non basta.

Il tuo compagno/a non si fidano di se stessi e dunque non possono fidarsi di te.
L'insicurezza personale può avere radici profonde e dunque, a volte, è necessario che la persona si faccia aiutare da un professionista ma tu, in quanto compagno/a di vita, puoi, ogni giorno, contribuire a rendere il partner più orgoglioso di sè.

E' proprio questo il punto chiave: fai da specchio al partner facendogli notare i suoi punti di forza, le sue abilità  (ad esempio: ricordagli momenti difficili dai quali si è rialzato da solo), i piccoli dettagli che per te lo rendono unico, aiutalo a vedere i suoi difetti come dei punti di forza e non come dei limiti, aiutalo a fare attività e a coltivare hobby che lo facciano sentire realizzato e capace (più ci si sente capaci in qualcosa e più la fiducia e la stima di sè aumentano)!

Se tu che stai leggendo sei  il timido o la  timida gelosa di cui parlo ti dò un consiglio:  ricordati che la gelosia è una lente deformante attraverso la quale si guarda la realtà. Questa lente dunque, non permette di vedere le cose dalla giusta prospettiva. Se ti riconosci in questa descrizione butta via gli occhiali della gelosia e sorridi alla donna o all'uomo che è lì accanto a te, anche quando tu ti ostini a non crederci. Ricordati però, che la gelosia è un veleno potente e dunque l'antidoto va usato il prima possibile.

In conclusione:

CASO A: se il tuo partner é geloso chiediti se dietro questo bisogno di controllo, che esprime nei tuoi confronti, non si celi una profonda insicurezza. Ovviamente, se così fosse, dovrai agire con molto tatto e far sentire al tuo partner quanto, come uomo o come donna, abbia valore.

CASO B: se sei tu ad essere geloso/a smetti di accanirti sul partner e prova a riflettere su ciò che ti fa temere di poterlo/la perdere. Seguimi qui per un aiuto: http://www.vinceretimidezza.com/p/vincere-la-timidezza_29.html.
In entrambi i casi non è semplice individuare la strategia migliore per agire perchè la gelosia è un sentimento forte e invasivo ma essere consapevoli delle cause di certi vissuti e di certi comportamenti, propri o del partner, è il primo passo per costruire il proprio benessere personale e di coppia.

Voglio regalarti l'opportunità di iniziare a fare chiarezza: seguimi qui http://danzadicoppia.blogspot.it/ e in fondo alla pagina troverai il tuo regalo!

A presto



Valeria Mora, Psicologa, Counselor e formatrice


Nessun commento:

Posta un commento