Menù del sito "www.problemicoppia.com"

Capire il partner e farsi capire: dire SI e dire NO


L'essere umano inizia ad usare le parole sin da bambino: da appena nato si serve del pianto per comunicare i propri bisogni, poi si serve della lallazione (quei tipici versetti che solo le mamme riescono a decifrare!), poi le prime parole e, in età scolare, i primi discorsi.

Saper usare le parole non significa saper comunicare.
Comunicare è qualcosa di più che articolare fonemi. 
Comunicare è l'arte di mettere in comune mondi diversi cioè le emozioni e i pensieri di chi parla e di chi ascolta.

Saper comunicare significa sapere quali parole usare, quando usarle, perché usarle e come dosarle.

Pensa all'attenzione con cui dosi gli ingredienti per preparare il tuo piatto preferito: se esageri con un ingrediente  il piatto può risultare rovinato, se un altro ingrediente scarseggia il piatto sarà privo del sapore che lo rende unico e se non misceli tutto al meglio la pietanza sarà slegata e il tuo palato rimarrà deluso...

Una buona comunicazione, allo stesso modo di un buon piatto, deve contenere la giusta dose di tutti gli ingredienti necessari.

Oggi analizziamo un ingrediente che non è tutto ma che, se presente, può fare la differenza tra una comunicazione efficace ed una che, sul lungo periodo, può portare ad incomprensioni all'interno della coppia.

L'ingrediente è: l'AUTENTICITA' che si concretizza nel dire chiaramente ciò che per se stessi è un SI e ciò che per se stessi è un NO.

Essere autentici significa dire con chiarezza e serenità ciò che si è e ciò che si vuole.
Per questo tipo di comunicazione, la lingua italiana si serve in due brevi parole: SI e NO.

Se ripensi a quando eri bambino ti ricorderai come rispondevi, semplicemente, SI a ciò che volevi e NO a ciò che non desideravi. Crescendo hai imparato che per essere educati e carini con gli altri occorre mitigare i propri desideri, a volte occorre, addirittura, dire SI quando sarebbe NO e No quando sarebbe SI.

Sono perfettamente d'accordo che sia necessario parlare agli altri con delicatezza e tatto, ma penso che un sì o no corrispondenti alla realtà di pensiero di chi li pronuncia, detti con educazione e rispetto dell'altro, siano molto più efficaci e funzionali per il benessere della relazione, rispetto a  risposte finte e che implicheranno uno sforzo.

Lo sforzo non sarà solo di chi ha detto quel sì o quel no contro voglia, ma anche di chi lo ha ricevuto. 
Ecco che chi ha mitigato la risposta per non arrecare disagio all'altro gliene arreca comunque. 
Prima o poi, infatti, il partner comprenderà la falsità di quella risposta perché noterà nell'altro un comportamento,1'espressione del viso o un tono di voce non coerente. Chiaramente non avrà la certezza che quel Si era un No o viceversa e, così, comincerà ad avere dei dubbi sulla propria capacità di capire cosa l'altro desideri veramente.

Ecco che i partner sono caduti in un tranello della comunicazione che può portare a danni seri!

Ti do un consiglio: 
stabilisci con il tuo partner che, in modo sincero ed onesto, vi direte ciò che realmente desiderate, momento per momento. Stabilita questa cornice non dovrete più tormentarvi chiedendovi se l'altro vi ha capito o se voi avete compreso il reale desiderio del partner.
Dire SI e NO in modo chiaro significa indicare all'altro la via giusta per farci stare bene, è un modo con il quale i partner possono dare alla propria coppia la giusta direzione, evitando deviazioni fuorvianti.


Il tuo compagno ha voglia di fare l'amore e tu no? 

Dillo semplicemente spiegandogli il motivo. Chi riceve il no può tranquillamente affermare che  lui lo avrebbe desiderato, ma che è disposto ad accettare quel no perché sa che tu farai altrettanto in un'altra occasione.
La parte in cui il destinatario della risposta afferma il suo volere è molto importante perché fa capire ad entrambi la reciprocità dell'accettazione e del rispetto.

Tu vuoi trascorrere una serata con gli amici e la tua compagna non ne ha voglia?

Accetta che ti dica di no e apprezza se ti dirà che ti accompagnerà lo stesso perché sa di farti felice.

In una coppia i partner possono fare delle cose che non farebbero da soli, ma che sono felici di fare per l'altro. E' il bello della gratuità dell'amore.
Però, anche in un gesto spontaneo di questo tipo, siate chiari. Dite se per voi si trattava di un Si o di un No e non abbiate paura di mostrare ciò che desiderate davvero.

Tra partner ci si deve poter mettere a nudo e, anche se all'inizio può sembrare difficile, questo è l'unico modo per rendere la relazione di coppia un vero capolavoro di alta cucina!

Per poter dire con serenità i propri SI e i propri NO occorre fidarsi di se stessi e della proprie idee... come fare?

Ti regalo un video di 23 minuti in cui puoi trovare delle idee interessanti:

http://www.esprimi-te-stesso.blogspot.it/


A presto 


Valeria Mora, Psicologa, Counselor e formatrice


Nessun commento:

Posta un commento