Menù del sito "www.problemicoppia.com"

Stupire il partner: chiedere scusa anche quando non ce ne sarebbe bisogno!

Chiedere scusa ad un'altra persona non è mai una cosa facile.
Il gesto di chiedere scusa infatti, implica l'ammissione della propria colpa e dell'errore commesso.

Una richiesta di perdono è sincera se si riesce a dire:

                              "Mi dispiace", "E' stata colpa mia", "Come posso rimediare?".



La domanda "Come posso rimediare?" è la parte fondamentale del chiedere scusa in quanto, con essa si dimostra all'altro, non solo di volere qualcosa (il perdono), ma anche di essere disposto a mettersi in gioco e ad impegnarsi per ottenerlo.

Nel chiedere perdono c'è il desiderio di riportare la relazione all'equilibrio precedente al fatto che ne ha guastato l'armonia. 

Ho già analizzato le implicazioni del chiedere perdono e dell'elargirlo in un precedente post (http://www.problemicoppia.com/search/label/perdono) quindi, oggi, voglio parlare del perdono da un'angolazione particolare.

Normalmente si chiede scusa al partner quando si sono commesse delle azioni che lo/la hanno ferito/a. 
Si può dire che il perdono e le scuse sono sempre connesse a un antecedente che entrambi i partner ben conoscono.

Il chiedere scusa, in alcuni casi, può assumere un significato diverso dalla "semplice" ricerca del perdono perché può diventare un modo per cogliere il partner impreparato e per stupirlo piacevolmente.

Mi spiego meglio: chiedi scusa al partner anche quando non hai nulla di grave da farti perdonare.

Ti faccio un esempio: sei stanco o malato o lontano da casa e dunque, il tuo livello di attenzione verso il partner potrebbe essere leggermente inferiore. 

Il partner, con molta probabilità, non se ne accorgerà in quanto avrà chiaro il motivo di un eventuale cambiamento del livello di attenzione e vicinanza (se il mio compagno è malato, lontano o stanco è normale che non si comporti come quando è al top delle sue forze fisiche e mentali).

Ecco che la malattia, la lontananza o la stanchezza ti forniscono una buona occasione per stupire il tuo compagno/a: 
  • scusati per il momentaneo cambiamento che potresti aver avuto nei confronti del tuo partner/della tua partner;
  • fagli/falle capire quanto tieni a lui/lei e come non vedi l'ora di "recuperare il tempo perduto";
  • trasmetti, a parole e con i gesti, tutto l'amore che provi. 

Sicuramente il tuo compagno/la tua compagna ti dirà che non c'è nessun motivo per cui sia necessario scusarsi, ma sarà rimasto/a profondamente colpita da quelle tue parole ricche di sensibilità e attenzione.

In definitiva: ricordati che non è necessaria la presenza di un motivo per chiedere scusa perché, in un rapporto di coppia, mettersi a nudo, aprendo il proprio cuore e i propri pensieri all'altro, equivale a dire TI AMO, MI FIDO DI TE E VOGLIO CAMMINARTI ACCANTO NELLA BUONA E NELLA CATTIVA SORTE.

A presto

Valeria Mora, Psicologa, Counselor e formatrice


Nessun commento:

Posta un commento