Menù del sito "www.problemicoppia.com"

Far durare l'amore imparando a comunicare


La vita di coppia è comunicazione perché, come in qualsiasi relazione, da quelle amicali, a quelle tra genitori e figli, a quelle tra dipendenti e datori di lavoro, il principale strumento di scambio tra due persone è la parola.

Le parole hanno un peso e degli effetti sia che vengano dette, sia che vengano taciute. 
Chi si occupa dello studio della comunicazione umana sa che è impossibile non comunicare. 
Sicuramente, anche tu, ti sarai reso conto che, a volte, un silenzio comunica più di mille parole.


La durata e la qualità dell'amore di coppia sono fortemente influenzate dall'abilità dei partner di scegliere le parole giuste, i momenti giusti in cui dirle e quelli in cui non dirle.

Per poter analizzare le mille sfaccettature dell'arte di comunicare in coppia dovrei proporti un corso intensivo, dal vivo, di almeno una settimana e, quindi, le informazioni che trovi qui e che troverai nei prossimi post sul tema della comunicazione vogliono essere dei suggerimenti e degli spunti di riflessione ,senza alcuna pretesa di esaustività.

La prima cosa da evidenziare in merito all'arte della comunicazione tra partner è che non c'è un modo totalmente "giusto" di comunicare e uno totalmente "sbagliato": ogni coppia deve trovare i propri schemi comunicativi, sia sul piano verbale  che non verbale (sguardi, prossemica, manifestazioni fisiche di affetto, silenzi, ecc...).

La coppia deve dunque capire qual è il modo più congeniale affinché lo scambio di informazioni sia sempre efficiente ed efficacie. E' proprio a questo livello che la coppia può entrare in crisi.

Per costruire uno schema di "comunicazione di coppia" è necessario un  passaggio preliminare: notare, capire, conoscere il proprio schema comunicativo e fare lo stesso per quello del partner.

Per aiutarti in questo processo ti propongo alcune domande alle quali puoi provare a rispondere:
  1. Come comunico con il partner quando sono felice?
  2. Come comunico con il partner quando sono innervosita?
  3. Come racconto la mia giornata al partner?
  4. Cosa vorrei sentirmi dire dal partner quando sono triste?
  5. Quando comunico a parole un'emozione, il mio corpo e la mia mimica sono in linea con ciò che sto esprimendo verbalmente?
  6. So che cosa vorrebbe sentirsi dire il mio compagno/a quando ha un problema?
  7. Ho mai comunicato al mio compagno/a quali sono le frasi e i gesti che mi fanno stare bene? E quelli che mi fanno stare male?
  8. So cosa devo dire quando il mio compagno è giù di morale? So se devo insistere quando lui mi dice che non è niente o se quella risposta indica che vuole dello spazio per sé?
Quando riesci a rispondere a queste domande hai già posto le basi per una buona comunicazione con il partner... ma se non sai rispondere?

Niente paura! La consapevolezza di non sapere è il primo passo per la costruzione della conoscenza.

Se non hai chiaro quale sia il tuo schema comunicativo scrivi su un'agenda le frasi tipiche che dici quando sei nello stato psicofisico che ti interessa analizzare. 
Ad esempio, se vuoi capire come comunichi quando sei preoccupato/a riporta le frasi che dici a chi è con te in quel momento e le frasi che, se dette dall'altro, migliorano il tuo stato o lo peggiorano. 
Quando avrai compreso ciò che ti aiuta a star meglio potrai chiedere al partner di dirti proprio quelle frasi o quei concetti a te utili in un particolare momento.

Se la tua difficoltà di comunicazione con il partner è legata al fatto che non riesci a capire ciò che il partner vorrebbe sentirsi dire o rispondere la soluzione è ancora più semplice: chiediglielo! 

Metacomunicare, cioè parlare con il partner di come comunicate l'uno con l'altro, non significa togliere spontaneità alla relazione. 
Significa togliere alla spontaneità la componente di irruenza e aumentare l'empatia, cioè la capacità di mettersi nei panni dell'altro per capire cosa sente e cosa pensa.

Una volta create le fondamenta della comunicazione di coppia, tu e il tuo partner svilupperete un linguaggio solo vostro: tempi, sintonie, distacchi, riavvicinamenti, pause e codici che vi faranno sentire, giorno dopo giorno, un NOI unito e coeso.

Se l'arte della comunicazione ti affascina continua a seguire il mio blog perché questo post è solo un "riscaldamento" per prepararsi al tema...

A presto


Valeria Mora, Psicologa, Counselor e formatrice


Nessun commento:

Posta un commento