Menù del sito "www.problemicoppia.com"

E' possibile essere attratti da un altro/a anche se siamo innamorati del nostro compagno/a ?



“Se amo mia moglie/mio marito è possibile che io provi attrazione per un’altra donna/per un altro uomo?”


La risposta a questa domanda è tutt'altro che semplice e univoca.

L’attrazione per ciò che ci piace è un istinto animale, è una pulsione che ci spinge a raggiungere l’oggetto del nostro desiderio.

Non è, a mio avviso, un qualcosa di riprovevole ma è pur sempre un istinto. 

Il pensiero, il ragionamento permette all’uomo di controllare i propri istinti e di incanalarli nelle migliori direzioni possibili per se stesso, per la propria vita e per la vita delle persone che lui ama.

Ecco quindi cosa ne penso.




L'attrazione è istinto, il tradimento una scelta


Il sesso senza amore è legittimo ma quando si ha la fortuna di coniugarlo con il sentimento diventa un’esperienza sublime.

Se sono innamorata posso vedere ed anche ammirare l’estetica di un uomo che non sia il mio compagno ma mi è difficile pensare che la bellezza diventi una fonte di attrazione così forte da farmi desiderare una notte con uno sconosciuto.

Con il mio compagno posso avere bellezza, amore e passione in una volta sola perché accontentarsi solo di quest'ultima?

L’attrazione per una persona che non sia il proprio partner si può provare ma credo che essa possa diventare forte ed irresistibile, tanto da spingere al tradimento, solo se con il partner non si è totalmente appagati.



Ne ami due... a meta'


Ovviamente non ho la certezza della veridicità di questa mia ipotesi ma, professionalmente, se avessi un paziente che mi chiedesse sostegno per capire il perché di una, più o meno improvvisa, attrazione per qualcuno/a esterno alla coppia, lo inviterei a riflettere sul suo rapporto con il partner.

Una relazione a due è ricca di così tante sfaccettature che si potrebbe pensare di essere totalmente appagati sessualmente, emotivamente, intellettualmente dal partner/dalla partner quando, se ci si osservasse in profondità, si potrebbe capire che il proprio rapporto di coppia non corrisponde al proprio vero ideale di relazione a due.

Se da tale introspezione emergessero delle mancanze in quel rapporto ecco spiegate le ragioni di un’attrazione, solo apparentemente, inspiegabile.

Forse, in questo caso, nella tua coppia ci sono degli aspetti da rivedere per poter rilanciare il rapporto e, conseguentemente, anche la sessualità.



Come prendere una decisione


Se ti ritrovi in questa descrizione qui puoi trovare degli spunti utili e un piccolo regalo: http://www.problemicoppia.com/p/superare-crisi-di-coppia.html

Viceversa se, anche a seguito di un’analisi approfondita, il paziente affermasse di essere totalmente soddisfatto del proprio rapporto di coppia gli fornirei questa suggestione:


Una notte d’amore, magari con uno sconosciuto/a, può essere eccitante, 

ma se sai che esse avrà come conseguenza la perdita di tutto ciò che 

hai ora con il partner vorresti viverla ancora?

Un piatto di pasta al pomodoro è succulento e desiderabile.

Se sai di essere allergico al pomodoro e che la conseguenza di quel pranzo sarà un grande malessere non vivrai quella rinuncia come un qualcosa di eccessivamente doloroso...

Personalmente mi è capitato di provare attrazione per altri uomini che non fossero il mio compagno, ma ciò accadeva sempre quando vivevo una relazione che sapevo non essere totalmente ciò che volevo.

Ora che sono profondamente innamorata e vivo ogni giorno la sensazione che sarà per sempre non mi è mai accaduto di desiderare un altro uomo. 

Se si è davvero fatti l'uno per l'altra l'attrazione, con il tempo, è destinata a crescere e non a scemare.

Vivendo un rapporto d'amore appagante si può notare ed ammirare la bellezza di un altro uomo o di un'altra donna ma la contemplazione estetica non ha nulla a che vedere con il tradimento...


A presto
Valeria Mora, Psicologa, Counselor e formatrice