Menù del sito "www.problemicoppia.com"

La trappola della routine


Nella maggior parte dei casi non sono gli eventi eclatanti a determinare la crisi di coppia. 

Il tradimento, la gelosia morbosa, l'innamoramento verso un altro uomo o verso un'altra donna provocano, in modo improvviso e plateale, una frattura nella coppia difficilmente sanabile.
Questi eventi sono spesso la conseguenza di una difficoltà di coppia, o meglio, di uno stile di vita della coppia che, lentamente ma inesorabilmente, ne ha determinato il deterioramento: 

la coppia è caduta nella trappola della routine!


Che cosa significa "cadere nella trappola della routine"?

Significa essersi dimenticati che la relazione di coppia va "curata" ogni giorno perché se la si lascia a se stessa appassirà come una pianta non innaffiata.
Quando domando ai miei pazienti che cosa facciano insieme al partner la risposta prevalente è: "Facciamo insieme i lavori di casa o la spesa e ci occupiamo dei figli. Vede Dottoressa, il tempo è sempre poco, alla sera siamo molto stanchi e la domenica si fanno le cose, per la casa e la famiglia, che non si sono potute fare in settimana..."

Ecco che emerge la prima errata convinzione che può costituire un'ottima base per una crisi di coppia: i lavori di casa, l'educazione dei figli, i momenti con i parenti NON SONO "TEMPI PER LA COPPIA"!

Il TEMPO DI COPPIA è un momento in cui esiste solo il "Noi". I problemi, i figli, i parenti, gli amici, gli impegni vengono messi da parte per dedicarsi totalmente al partner e al proprio "essere coppia".
Per evitare obiezioni relative alla scarsità di tempo a disposizione e all'urgenza degli impegni della ruotine quotidiana preciso subito che non è solo la quantità di tempo a fare la differenza per il benessere di coppia. Un tempo breve ma qualitativamente eccellente dà alla coppia il "carburante" per star bene nonostante la scarsità di tempo a disposizione per il Noi.
Attenzione però a non usare "il poco tempo" come scusa per nascondere la propria pigrizia: se il tempo non lo si vuole e non lo si cerca, con impegno e determinazione, esso non ci sarà mai!

Perché è così importante il tempo di coppia?

Solo se si vivono delle esperienze insieme e solo se si provano emozioni intense si resta uniti "nella salute e nella malattia". Se si creano occasioni per parlare del proprio "modo di essere coppia" si può mantenere la consapevolezza dei cambiamenti presenti nella propria relazione e si può ri-conoscere il proprio partner.
Ho usato il termine "ri-conoscere" proprio per sottolineare la necessità di rapportarsi al partner con uno sguardo attento e un ascolto profondo. Non bisogna mai dare per scontato il pensiero e il mondo emotivo del nostro compagno/a. Anche se siamo sposati o conviventi da molto tempo non possiamo sapere tutto dell'altro perché quest ultimo, così come noi stessi, cambiamo ogni giorno.

Riscegliersi, non darsi per scontati: ecco la funzione del tempo di coppia.


Come si crea il tempo di coppia? Cosa si fa nel tempo di coppia?

Premetto che ogni coppia deve trovare la propria modalità di costruzione e gestione del "tempo di coppia". Ciò che sto per dirvi dunque, non è la regola assoluta da applicare per trovare il tempo da dedicare al Noi ma può essere un aiuto per muovere i primi passi in tal senso. Una volta appresi i principi base lasciate pieno spazio alla vostra creatività per costruire un Noi che vi rispecchi a pieno.

"L'agenda è piena... dove inserisco il Tempo di Coppia? 
  • Fai un progetto realistico: non decidere di dedicare al Noi un'ora al giorno se, dentro di te, sai che non è realmente fattibile. Non crearti un impegno che non puoi mantenere: ricorda che è la qualità che fa la differenza e non solo la quantità;
  • confrontati con il partner e, insieme, concordate quale sarà il tempo per il vostro Noi;
  • ora che avete scelto la quantità di tempo prendete il calendario e scrivete i giorni in cui vi prenderete il "tempo di coppia". Dovrete attenervi a quel calendario per almeno un mese, al termine del quale valuterete quanto sarete riusciti a rispettarlo. Se non ci sarete riusciti dovrete rivalutare l'organizzazione che avete stabilito;
  • se, dedicandovi alla vostra relazione, vi sembra di rubare tempo al lavoro o ai figli ricordatevi che  "lavorare per la coppia" significa garantire la durata di essa, oltre che la felicità e la buona qualità della propria vita e della vita della propria famiglia.


"Abbiamo del tempo per Noi ma... cosa facciamo?"
  • Parlate di voi: durante una passeggiata, durante una cena al ristorante, prima di addormentarvi parlate di come la vostra coppia è nata, di come siete cambiati, di come siete ora. Raccontate all'altro le emozioni che vi ha fatto provare ultimamente (belle o brutte che siano), i gesti che avete apprezzato, raccontatevi perché vi siete innamorati l'uno dell'altro e perché siete ancora insieme, dite all'altro che cosa avete imparato da lui... in definitiva, parlate di tutto ciò che riguarda la vostra relazione, fatelo con tatto e senza spirito di critica o rinfaccio. Parlare delle cose che non vanno senza ferirsi è un primo passo per risolverle. Parlare delle cose belle è un modo per ricordarsi quanto l'altro sia importante per noi.
  • Esplorate le vostre passioni senza fermarvi a quelle abituali: trovatene di nuove e scegliete un'attività da fare in coppia. Può trattarsi di un'attività culturale, di un'attività divertente o socialmente impegnata ma deve essere qualcosa che farete insieme per potervi sostenere l'un l'altro e confrontarvi alla fine dell'attività.
  • Ricreate momenti di intimità e complicità come quando, all'inizio della relazione, corteggiavate il vostro partner/la vostra partner. Non sentitevi ridicoli nell'organizzare cene romantiche, sorprese inattese, momenti di passione e intimità: tutto é iniziato così e non può e non deve essere dimenticato o sottovalutato.
  • Dite al partner ciò che provate per lui/lei: saperlo non significa che non si provi piacere e un'emozione profonda nel sentirselo ripetere.
  • Create un PROGETTO DI COPPIA rispondendo a queste domande:
Qual è il punto di forza della nostra coppia?
Che simbolo (disegno, frase, oggetto) potrebbe rappresentare il nostro modo di essere coppia?
Che esempio vorremmo lasciare ai posteri?
Come vorremmo che la nostra coppia fosse descritta da chi ci osserva dall'esterno?

Per oggi ti saluto ricordandoti che sei hai chiara la meta da raggiungere il cammino sarà dotato di una precisa e funzionale direzione, anziché essere frutto di scelte casuali e, spesso, fuorvianti.


A presto

Valeria Mora, Psicologa, Counselor e formatrice


Nessun commento:

Posta un commento